ECONOMIA CIRCOLARE

SATI crede nell’economia circolare, un modello di produzione e consumo che implica condivisione, prestito, riutilizzo, riparazione, ricondizionamento e riciclo dei materiali. I nostri prodotti sono progettati per durare nel tempo e recuperano il materiale in sospensione nei fluidi che può essere riutilizzato.

I principi dell’economia circolare contrastano con il tradizionale modello economico lineare, fondato invece sul tipico schema “estrarre, produrre, utilizzare e gettare”. Il modello economico tradizionale dipende dalla disponibilità di grandi quantità di materiali e energia facilmente reperibili e a basso prezzo e non tiene conto del depauperamento della natura. 

SATI adotta misure anche contro l’obsolescenza programmata dei prodotti, strategia propria del modello economico lineare, testando i prodotti nel laboratorio di ricerca e sviluppo, così da avere la certezza sulla vita utile dei componenti. Questo studio porta a conoscere i limiti dei materiali e dei componenti così da poter avere un prodotto durevole nel tempo ed efficiente al 100%.

In questo modo si estende il ciclo di vita dei prodotti, contribuendo a ridurre i rifiuti al minimoUna volta che il prodotto ha terminato la sua funzione, i materiali di cui è composto vengono infatti reintrodotti, laddove possibile, nel ciclo economico. Così si possono continuamente riutilizzare all’interno del ciclo produttivo generando ulteriore valore

ZERO EMISSIONI
SATI AZIENDA GREEN

Sati ha deciso di investire per portare a zero le emissioni. Per ottenere questo risultato ha inizialmente effettuato un investimento, sostituendo l’impianto di riscaldamento per la zona di produzione, con un impianto di riscaldamento e climatizzazione VRF di ultima generazione che si posiziona nella più alta fascia di mercato come caratteristiche e performance.

Questo sistema ha consentito all’azienda di: non utilizzare più metano, sfruttare riscaldamento e raffrescamento con alimentazione 100% elettrica e azzerare le emissioni in atmosfera per la climatizzazione degli ambienti.

Successivamente ha apportato delle migliorie anche in tutta la zona uffici, inserendo climatizzatori in pompa di calore e aggiungendo un impianto solare termodinamico per la produzione di acqua calda sanitaria per i bagni.

Sati ha completato l’iter di efficientamento grazie al FONDO ENERGIA della regione Emilia Romagna, con un finanziamento di € 200.345,00 di cui una quota provvista privata e una quota provvista pubblica Fondo Energia oltre a un contributo a fondo perduto per le spese tecniche, con il quale ha potuto realizzare il completamento delle opere di efficientamento come:

lo smaltimento dell’amianto, la realizzazione di una nuova copertura con pannello sandwich, la realizzazione dell’impianto fotovoltaico della potenza di 70 kWp con ottimizzatori di rendimento e l’installazione di un sistema di accumulo di 60 kWp di energia elettrica di ultima generazione per i consumi notturni. L’impianto consentirà la produzione di oltre 85.000 kWh annui con una percentuale di autoconsumo superiore al 95% della produzione complessiva.

QUALI SONO I VANTAGGI?

Grazie a misure come la riduzione dei rifiuti e il riutilizzo dei materiali (ecodesign), SATI punta ad un risparmio energetico e a una riduzione delle emissioni totali annue di gas serra. Al momento la produzione dei materiali che utilizziamo ogni giorno è responsabile del 45% delle emissioni di CO2.

La transizione verso un’economia più circolare può portare numerosi vantaggi, tra cui: 

Riduzione della pressione sull’ambiente
Più sicurezza circa la disponibilità di materie prime
Aumento della competitività, riducendo i costi per l’energia
Impulso all’innovazione e alla crescita economica
Sati e l'economia circolare
Evoluzione continua per la salvaguardia dell'ambiente
2020

SATI ha presentato il piano d’azione per una nuova economia circolare che punta a prodotti più sostenibili, alla riduzione dei rifiuti attraverso lo studio di una progettazione a “zero emissioni”. Questo studio ha occupato il reparto R&S per tutto l’anno 2020.

2021

Inizia la sperimentazione della produzione di una parte dei prodotti stampanti in 3D così da abbattere gli scarti e i rifiuti per la realizzazione. La previsione è quella di utilizzare questo metodo per tutti i componenti dei nostri prodotti.

2022

Installazione dell’impianto fotovoltaico da 70 KWh nel nostro centro di produzione così da completare un altro tassello per il raggiungimento della sostenibilità nella produzione dei filtri. 

2023

Sati ha completato l’iter di efficientamento grazie al Fondo Energia della regione Emilia Romagna, ed è un fiore all’occhiello non solo come azienda ad emissioni zero, ma anche come comfort lavorativo per i propri collaboratori.

This site is registered on wpml.org as a development site.